Categoria: Generali

La “Mole”

“Mole” è diventato ormai anche un marchio di attività di marketing, intrapresa nell’inverno a cavallo tra il 2018 e il 2019 dallo staff Mole Cup.

Seppur fedelissimi a Soccer Mania, negozio che effettua personalizzazioni su abbigliamento al quale la Mole Cup Torino si affidava e si affida tutt’ora per confezionare le divise da gioco e le felpe, t-shirts e polo per lo staff, questa volta la direzione contatta Yssacrowd, con lo scopo di far uscire un primo bellissimo articolo di abbigliamento targato “Mole”.

Il capo scelto è una felpa, rigorosamente unisex, dotata di trama di qualità e utilizzabile praticamente in ogni stagione, per via della sua pesantezza media. Fornita di cappuccio per richiamare lo stile dell’underground torinese, la felpa si presenta in un unico colore che non passa mai di moda, il nero, vero e proprio passe-par-tout, e con un design semplice ma fine, con la scritta bianca che recita “Mole” sul davanti e con un bellissimo scorcio del simbolo del torneo e della cittá, la Mole Antonelliana, al tramonto, sul retro, scattato dal Monte dei Cappuccini.

A completare il tutto la scritta, sempre sulla schiena “ Sunset Lovers “, design by Mole Cup, Season 2019. Giá, “Sunset Lovers”, è questo il calzante nome della felpa, omonima del singolo di successo dell’artista Petit Biscuit. Oltre ad essere un capo comodissimo ma bello esteticamente, la “Sunset Lovers” crea un senso di appartenenza tra chi la possiede e la indossa, accomunati dalla passione per la Mole Cup, ovvero per il calcio e il divertimento. Infine garantisce un ricordo tangibile per gli anni a venire che richiami non solo all’appassionante torneo, fonte di forti emozioni, ma in generale di quelli che, a detta di molti, sono gli anni più belli della vita: quelli della gioventù e del Liceo.

Disponibile in diverse taglie, la felpa diventa acquistabile al campo, in occasione delle partite della competizione, e da Space23, negozio situato in Via Santa Teresa 6, Torino. La gestione di un brand e di un’attività commerciale diventa sorgente di fatiche e soddisfazioni nonché occasione di esperienza per i ragazzi dello staff, che devono fare i conti con la pubblicizzazione di essa, effettuata prevalentemente sul proprio sito internet e sulla pagina Instagram mediante video promozionali e sponsorizzazioni, e con gli shooting, compiuti proprio al Monte dei Cappuccini grazie all’attivo lavoro di Pietro Castoldi nelle vesti di fotografo ed editor e alla disponibilità di Ginevra Soldi, Tommaso Garzaro e Pietro Bausardo di posare come modelli.

La “Sunset Lovers” è ormai un’icona a Torino, un simbolo che suscita in chi la vede un immediato collegamento al torneo tra studenti più bello della prima capitale d’Italia.

Novità nella sezione Highlights

La seconda edizione della Mole Cup ha presentato, tra le altre, una grande innovazione, un notevole miglioramento, una vera e propria rivoluzione del settore video-fotografico.


La realizzazione degli Highlights, già presenti dalla prima edizione, si è decisamente evoluta.
Nel 2018 tutto era in mano a tre membri dello Staff: Marco Magnanini (creatore e gestore del sito) effettuava le riprese delle partite con una telecamera sugli spalti. Ciò offriva una buona panoramica generale, ma una scarsa varietà di angolazioni e una limitata capacità di andare ad immortalare i dettagli delle azioni. Successivamente Daniele e Tommaso Murdocca si occupavano della fase di selezione dei video e poi rispettivamente del montaggio e della parte di telecronaca. Il prodotto finale, della durata di 5 minuti circa, veniva pubblicato sulla pagina Facebook della Mole Cup.


Con la nuova edizione gli organizzatori si sono rivolti direttamente ad una scuola specializzata per affiancare questi ragazzi e migliorare la qualità del prodotto: grazie ad un accordo con l’Istituto Fotografico Albe Steiner di Torino e alla collaborazione della professoressa Laura Tempesta, viene ideato un progetto di alternanza scuola-lavoro che permette a 15 studenti della Scuola Superiore di effettuare le ore obbligatorie durante le partite di Mole Cup Torino, in qualità di cameramen o fotografi. Non si tratta comunque del primo accordo di alternanza scuola-lavoro stipulato dalla Mole Cup Torino, che già nella prima edizione aveva collaborato, ad esempio, con il Liceo Scientifico Majorana di Moncalieri.


In seguito a degli incontri per conoscersi meglio e spiegare con precisione il lavoro richiesto, i ragazzi dello Steiner si rivelano quasi tutti molto interessati ed entusiasti di spendere le ore di scuola-lavoro in un’attività in qualche modo inerente al loro corso di studi, in un clima collaborativo e con un rapporto diretto con i ragazzi organizzatori.


Angelo Allario, Eleonora Bellafesta, Cristina Brondo, Marika Critelli, Dennis Cursio, Nicolò Falato, Gabriele Gagliardi, Amissah Gerraldo, Francesco Gibiino, Alex Mantovan, Stefano Puntillo, Greta Romano, Fabio Santoriello, Luca Tagliabue e Sara Vallino entrano a far parte del settore foto-video della Mole Cup, dividendosi in due squadre di lavoro che si alternano di domenica in domenica. Grazie all’ambizione degli organizzatori e alla disponibilità dei cameramen i punti di ripresa si moltiplicano e si passa da una a ben quattro telecamere. Dislocati in vari punti del campo da gioco, i ragazzi mettono a disposizione la loro attrezzatura personale fornendo cavalletti e fotocamere, riprendendo tutti i matches e passandoli a chi si occupa di montaggio e telecronaca. Grazie al loro dinamismo vengono anche registrate delle interviste ai giocatori, nell’intervallo tra il primo e il secondo tempo e a fine partita, da inserire negli highlights. Inoltre per ogni partita due ragazzi si occupano delle fotografie, che scattano in quantità al campo e agli spalti immortalando tutti i protagonisti: lo scopo è quello di far sì che nessun momento vada perduto, ma che tutto resti facilmente rintracciabile e condivisibile sul sito della Mole Cup!


Potrete trovare nella galleria del sito e nella sezione HIGHLIGHTS i frutti di ogni loro sforzo e del loro lavoro svolto con grande impegno e professionalità!